I nostri colori

Essere un gruppo, una squadra significa anche mettere in circolo numerose idee e competenze.
Abbiamo deciso di concentrarci su alcune questioni che riteniamo importanti e di cui il gruppo che vorrei rappresentare in Comune si fa portatore in politica, nelle proprie professioni, nella vita quotidiana.

Il programma qui presentato è l’insieme di pensieri e visioni sulla città che sono state scritte grazie al sostegno, all’esperienza e alle competenze di alcune delle persone che mi circondano. Come delle latte di vernice, attingerò da lì per rendere ancora più vivi i colori di Torino.

I colori della nostra città sono sei: i diritti, l’innovazione, il sociale, i beni comuni, la cultura e lo sviluppo.

Legalità

Poi ci sono questioni che sottendono tutti i campi.
Tra questi c’è la legalità.
Torino è una città in prima fila nella lotta contro tutte le mafie. Negli ultimi anni il nostro territorio è stato oggetto di diverse operazioni antimafia che hanno mostrato il radicamento della ‘Ndrangheta sul nostro territorio. La politica deve essere pronta e attrezzata ad affrontare questa lotta con tutte le risorse democratiche di cui può disporre. L’’amministrazione comunale non può permettersi di sottovalutare oppure non comprendere la rilevanza di questo fenomeno. La città, nelle sue diverse articolazioni, deve essere al fianco dei suoi cittadini, per prima cosa accompagnando e sostenendo i percorsi di denuncia delle vittime del racket e dell’usura e in secondo luogo promuovendo la cultura della legalità a partire dai più giovani. L’impegno per la legalità e la trasparenza deve essere prioritario per favorire la crescita economica e sociale della nostra città.